Galleria immagini

Lista album :: Ultimi arrivi :: Ultimi commenti :: Le più viste :: Le più votate :: Cerca

Galleria immagini > La Compagnia della frutta antica 
NOME FILE  +   - 
DATA  +   - 
amab_gen.jpg
Amabile di GenovaGENERALITÀ E CENNI STORICI
Vitigno di origine incerta, sembra fosse diffuso a Reggio Emilia dalla fine dell’800.

Ricerche dell’Università di Bologna forniscono un’origine incerta come vitigno di ritorno.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio buono.

FOGLIA
Liscia e sottile, lembo medio con seno peziolare ad U, gli altri seni poco marcati.

Nelle prime fasi è sensibile alle malattie.

GRAPPOLO E ACINO
Di dimensione medio grossa a volte alato con acini medi, sferoidali, neri ricchi di pruina, spargolo, con picciolo lungo.

Il grappolo non è sensibile alla botrytis.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Pregi: uva molto ricca di zuccheri e di profumi.

Produce un mosto pregevole, di ottimo colore adatto per vini novelli
bordo.jpg
Bordo'GENERALITÀ E CENNI STORICI
Probabilmente si tratta del vitigno Bordeaux francese coltivato a Reggio ad inizio secolo.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio-basso.
Produttività medio-bassa.

FOGLIA
Foglia pentalobata con seni mediamente profondi ma ampi. Seno peziolare di tipo tendenzialmente sovrapposto.

Foglia ricca di antociani durante il periodo di raccolta (tipico colore rosso bordeaux) molto più marcato delle altre viti.

GRAPPOLO E ACINO
Grappolo di dimensioni medio-piccola a struttura semidensa con acini medi dotati di buccia ricca
di pruina, spessa e resistente. succo di sapore molto dolce con profumi caratteristici ed armonici.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Pregevole dal punto di vista agronomico per la resistenza alle malattie anche se la produttività è medio-bassa.

Molto pregiata dal punto di vista tecnologico per le caratteristiche del mosto ricco di colore, di zucchero e di profumi
corbelli_barghi.jpg
Lambrusco BarghiGENERALITÀ E CENNI STORICI
Origine incerta, probabilmente Toscana, coltivato estesamente fino agli anni 60 nelle tenute del
conte Corbelli sia a Castelnovo di Sotto che a Rivalta.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio-elevato; produttività media.

FOGLIA
Pentalobata, con seni mediamente profondi, seghettata al margine, lembo medio-piccolo.

GRAPPOLO E ACINO
Grappolo di medie dimensioni, anche medio grosse, spesso alato, picciolo di media lunghezza, tralcio biondo rossiccio .
Acino ricco di pruina di dimensioni medie o medio-grosse buccia spessa molto resistente alla botrytis.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI:
Lambrusco molto pregiato per la ricchezza di colore, il sapore armonico dei suoi mosti e la ricchezza di zuccheri.
Apprezzato anche per la resistenza alla botrytis. Sembra sia stato abbandonato per la buccia spessa che abbassa la resa in mosto
cornona.jpg
CormonaGENERALITÀ E CENNI STORICI
Origine sconosciuta. É comunque un vitigno da mensa.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio-alto.
Produttività medio-bassa.

FOGLIA
Trilobata con seni mediamente marcati e seno peziolare prevalentemente aperto.
Lembo di dimensioni medie con margine dentato.

GRAPPOLO E ACINO
Grappolo di dimensioni medie, spargolo, con acini medio-grossi di forma ovale caratteristica che richiama la varietà pizzutello.
Buccia di colore rosso, ricca di pruina e molto spessa.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Dal punto di vista agronomico è pregevole perché molto sana resistente anche alla Botrytis.

Si conserva facilmente fino a Natale.
Polpa dolce, gradevole, con profumi caratteristici.
filucca.jpg
FiluccaGENERALITÀ E CENNI STORICI
Uva della media collina reggiana a bacca subovale.
É un antico vitigno della collina caratteristico per l’elevata acidità.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio- elevato.

FOGLIA
Con seni profondi di dimensioni medio grosse, seno peziolare a forma variabile, ma prevalentemente sovrapposto nelle foglie vecchie.

Tomentosa nella pagina inferiore.

GRAPPOLO E ACINO
Medio-grosso con acini grossi, struttura semidensa, buccia spessa ricca di pruina.
Raramente alato.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Pregi: produttiva
Difetti: elevata acidità
dor_mont.jpg
Dorata di MontericcoGENERALITÀ E CENNI STORICI
Origine sconosciuta. Era diffusa nel comune di Albinea.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio. Produttività media.

FOGLIA
Pentalobata con seni mediamente profondi e seno peziolare aperto.
Bollosità sulla pagina superiore nelle foglie vecchie.
Leggera tomentosità nella pagina inferiore. Dimensione foglia medio-piccola.

GRAPPOLO E ACINO
Grappolo medio e medio-grosso spesso alato.
Acino sub-ovale di dimensione media, buccia resistente.
Grappolo di struttura semidensa con tendenza allo spargolo.
L’acino a piena maturità acquisisce una colorazione giallo-dorata
fiorano.jpg
Lambrusco di FioranoGENERALITÀ E CENNI STORICI
Prende il nome dal comune di Fiorano di Modena nel quale era molto coltivato.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore e produttività elevati.

FOGLIA
Pentalobata con seni poco o mediamente profondi. Seno peziolare aperto, margine seghettato.
Lembo sottile di dimensioni medie.

GRAPPOLO E ACINO
Il grappolo e di dimensioni medie o medio-grosse. Spargolo, spesso alato con picciolo medio lungo.
Acini grossi ovali, ricchi di pruina, buccia spessa.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Armonico equilibrio fra acidi e zuccheri. Molto colorato. Varietà sana a maturità. Resistente alla botrytis
fogarina.jpg
FogarinaGENERALITÀ E CENNI STORICI
Trovata nei 1820 sul greto del fiume Crostolo in vicinanza della foce sul Po, viene chiamata
anche Fogarina di Gualtieri perché era diffusa soprattutto in questo comune.

É stata abbandonata per la elevata acidità che era apprezzata per la correzione dei vini e per la produzione di vinelli.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio alto, produttività media.

FOGLIA
Dotata di seni profondi con seno peziolare ad U, lembo medio piccolo di consistenza
tendenzialmente coriacea nella foglia vecchia. Tomentosità modesta.

GRAPPOLO E ACINO
Di media grandezza e sovente alato spargolo, con picciolo lungo, buccia nera spessa, non sensibile
alle malattie, può soffrire di acinellatura verde soprattutto in certi cloni.
Acini medio grossi di
forma subovale, neri, ricchi di pruina

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Varietà a maturazione molto tardiva, era sicuramente la più tardiva della pianura
reggiana, si raccoglieva a fine ottobre primi di novembre nelle alberate.
Vitigno apprezzato per il vigore, la resistenza alle malattie, la produttività costante.
Produce un pregevole vino da taglio di elevata acidità totale, di colore rosso rubino e ricco di tannino.
frastag.jpg
Lambrusco a foglia frastagliataGENERALITÀ E CENNI STORICI
Sembra trattarsi di un clone di Ancellotta di ritorno.

Prelevato a Reggio Emilia da militari trentini durante la prima guerra mondiale quindi ritornato successivamente nelle nostre zone.
All’analisi manifesta acidità e zuccheri uguali a Ancellotta.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio; produttività medio-bassa.

FOGLIA
Uguale a quella dell’Ancellotta, con lembo medio-piccolo, seni profondi, pentalobata e profondamente seghettata.

GRAPPOLO E ACINO
Acino di tipo medio-piccolo uguale a quello dell’Ancellotta.
Grappolo piccolo, tendenzialmente spargolo (come diversi cloni di Ancellotta diffusi fino agli anni 60).

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Ha il difetto di avere grappoli piccoli con produttività medio-bassa, soffre anche di una piccola percentuale di acinellatura.
Dal punto di vista tecnologico il mosto è di buona qualità come quello dell’Ancellotta.
gonzaga.jpg
Lambrusco di GonzagaGENERALITÀ E CENNI STORICI
Di origine sconosciuta.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio, produttività medio-bassa.

FOGLIA
Pentalobata, a lembo di dimensioni medie con superficie corrugata nella pagina superiore a
maturità, pagina inferiore con leggera tomentosità, seni appena accennati i basali, più pronunciati gli apicali.
Seno peziolare spesso sovrapposto nelle vecchie foglie. Margine dentato.

GRAPPOLO E ACINO
Grappolo di media grandezza acino di media dimensione; picciolo medio lungo, grappolo
semidenso spesso alato, acino ricco di pruina.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Sapore semplice non si distingue per pregi particolari, l’acidità non è di livello elevato.
GRASPAROSSA.jpg
Lambrusco GrasparossaGENERALITÀ E CENNI STORICI
Originario della zona di Castelvetro di Modena, prende il nome dal caratteristico colore del suo graspo.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio-basso; produttività media-bassa tale comportamento dipende soprattutto dalla scarsa affinità con i portinnesti americani.

FOGLIA
A lembo medio-piccolo pentalobata, con seni poco profondi, lembo che a maturità assume una consistenza coriacea.

GRAPPOLO E ACINO
Acino medio-grosso, di forma sub-ovale con buccia spessa e ricca di pruina. Grappolo a densità variabile ma soprattutto semidensa.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Questo lambrusco e pregevole per la produzione di un mosto e di un vino ricco di colore, di zucchero e di sapore armonico.

Le carenze sono soprattutto di tipo agronomico per la scarsa affinità verso il portinnesto e i problemi conseguenti di vigore e produttività.
lugliat.jpg
LugliaticaGENERALITÀ E CENNI STORICI
Origine sconosciuta.
É la più precoce varietà di uve bianche reggiane antiche.

Prende il nome dall’epoca di maturazione, che avviene nelle nostre zone a fine luglio inizio agosto.

VIGORE E PRODUTTIVITÀ
Vigore medio.
Produttività media.

FOGLIA
Foglia trilobata con seni profondi, seno peziolare aperto. Margine profondamente dentato.

GRAPPOLO E ACINO
Grappolo a struttura semidensa, di dimensioni medie o medio-piccole.
Con acino medio piccolo di forma sub-ovale.
Buccia abbastanza resistente.

PREGI E DIFETTI TECNOLOGICI E AGRONOMICI
Ha un sapore dolce semplice, produce un mosto con pregi medio-bassi.
Era utilizzata anche da mensa essendo la prima uva disponibile nella nostra zona
35 immagini in 3 pagina(e) 1 2 3



[ xcGallery powerd by dev.xoops.org ]