Categorie : Pesce

Cappon Magro


  • Numero persone: 6
  • Tempi di preparazione: un pò
  • Tempi di cottura: 1 ora
  • Tempi di riposo: 1 notte
  • Ingredienti

  • 3 uova
  • Q.B. cozze
  • Q.B. gamberi
  • Q.B. pane biscottato secco
  • Ricetta

    Questa ricetta ha origini molto antiche, è il piatto nobile oggi della cucina ligure arricchito con aragosta e gamberi e altro.
    Le leggende sono parecchie, io ne conosco tre e propendo per la terza.
    La prima vuole questo piatto preparato dalla gente per rispetto della tradizione di magro della vigilia e deve il suo nome al pesce cappone.
    La seconda dice che questo piatto che univa sapori di terra e di mare, grazie all'aceto, venisse portato dai naviganti in mare quale piatto preparato dalle mogli per non farsi dimenticare.
    La terza parla di questo piatto come un riciclo degli avanzi delle tavole nobiliari che i poveri servi utilizzavano facendo festa con gli avanzi... Scuserete la mia proletaria estrazione ma credo sia la versione meno romantica ma più reale.
    Occorre del pesce preferibilmente cappone, ma ombrina e branzino sono ottimi, fagiolini verdi lessati, una raparossa al forno, patate lesse, cozze, gamberi e aragosta ma garantisco che anche solo con gamberi e cozze e pesce è ottimo.
    3 uova sode, 2 per decorare e un tuorlo per la salsa dii prezzemolo..
    Galletta da marinaio, buon aceto, e una salsa fatta con prezzemolo acciughe capperi olio oliva un tuorlo d'uovo sodo.
    Si lessa il pesce freschissimo in acqua sale e mezzo limone, si sfiletta in bei pezzi, anche le grosse briciole spinate si tengono. Si condisce con olio extravergine sale e un goccio di aceto.
    Si fa lo stesso con le verdure, fagiolini spezzettati lessati e conditi, patate lesse a fette, rapa rossa a fette condite.
    Procuratevi uno stampo rettangolare (molti impilano il tutto a strati ma è difficile e si rischia terremoto di verdure) oliatelo, metteci la carta forno bagnata di acqua e aceto e foderate vi servirà per sformare.
    E ora fate strati vari patate, pesce, fagiolini salsa verde, rapa rossa, patate, pesce, fagiolini salsa verde, gamberi sgusciati... e via finché avete ingredienti. Ora bagnate le gallette marinare (un pane biscottato secco) in acqua e aceto e posatele come ultimo strato. Coprite con carta e mettete un peso.
    Il giorno successivo sformerete e decorerete con cozze, gamberi e aragosta poggiate sul cappon magro ricco di salsa verde.
    Le gallette saranno ora alla base del vostro capolavoro e buon appetito.
    È squisito.
    È il piatto delle feste.


    Inviato da Visitatore il 2007/1/2 13:17:33 (2987 letture)
    Formato stampabile Inviare questa ricetta a un amico