Alice Pasin

Membro del Consiglio direttivo

Print PDF Mail
Share

Alice Pasin si laurea in architettura al Politecnico di Milano nel 2002 dopo aver frequentato un anno di studi in Olanda, luogo che l'ha particolarmente influenzata. Decisa a non voler edificare ed aggiungere cemento al nostro fragile mondo, amante della natura e dei sistemi ecologici ad essa legati, frequenta il master di progettazione del giardino e del paesaggio della Scuola di Minoprio e svolge il tirocinio presso l'Atelier Acanthe, dove collabora con Gilles Clement, a Parigi. Da quel momento inizia a progettare giardini, parchi e terrazzi con un approccio di sostenibilità e autocostruzione, proponendo nei progetti piante commestibili, rustiche, che attirano insetti, uccelli e animali selvatici per favorire il ritorno alla naturalità dei luoghi e delle sensazioni ancestrali. La morte della nonna, contadina veneta, che faceva l'orto partendo dai semi conservati dalla famiglia, l'ha portata a ricercare le varietà perdute degli orti contadini e a far parte attiva dell'associazione Civiltà Contadina, in cui ad oggi riveste il ruolo di referente, collaborando a vari progetti di orti didattici e mettendo in relazione culture contadine e tecniche agricole naturali ma innovative. La sua passione per i semi l'ha portata anche a sperimentare e diffondere la cucina crudista fatta di germogli, varietà orticole ricercate e rare, piante spontanee e semi. Ha curato l'edizione italiana del Manuale per salvare i semi dell'orto e la biodiversità – TerraNuova Edizioni e scritto Il buon giardino selvaggio – manualetto filosofico tecnico per giardinieri, ortisti e progettisti. Vive in un bosco con Jacopo e i loro due figli e sogna l’autosufficienza alimentare.